0%

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO. IL GRAZIE DELL’ARCIVESCOVO AI BENEFATTORI DELL’OPERA

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Cari devoti, benefattori e amici del Santuario di Roccaporena,

NATIVITASi avvicina il Natale del Signore. Anche nel 2014, come negli anni precedenti, questa festività dovrà fare i conti con le difficoltà e i problemi di sempre, con tanti casi di indifferenza e lontananza da Dio. Tuttavia, anche in queste circostanze noi cristiani sappiamo di poter contare sulla forza che ci viene da Gesù, sulla gioia interiore che Lui ci dona e con la quale illumina il tempo che viviamo. Non ci è possibile, con le nostre sole forze, cambiare radicalmente una società tormentata e appesantita da tanti problemi. Però, con la forza della fede possiamo andare incontro a tante situazioni di difficoltà; nel nostro piccolo, possiamo essere ciò che è stata la stella di Betlemme nell’oscurità del mondo, ciò che è stata la grotta santa per i pastori, per i Magi, per i tanti che andavano a vedere e tornavano con grande gioia, raccontando le meraviglie di Dio.

È bello allora pensare alla comunità cristiana come ad un gruppo di persone che – pur con tanti limiti e miserie – sa essere come la cometa e, con fiducia, speranza, semplicità e determinazione, sa immettere luce nelle prove e nella fatica della vita. E questo non con una formula magica, non con quell’atteggiamento superficiale che talvolta ci spinge a distogliere lo sguardo dalla situazione concreta, ma entrando nella realtà fino in fondo, con forza e sapienza, certi che prima di noi le stesse prove le ha affrontate il Signore e che Lui continua a camminare davanti a noi per aprirci la strada. A noi, sull’esempio di S. Rita, tocca seguirlo, mettendo i nostri passi là dove Lui ha lasciato l’orma dei suoi piedi. Impariamo così a dare contenuti seri alla nostra vita, ad essere non distratti o esaltati, ma persone normali che vivono i diversi momenti dell’esistenza sicuri del sostegno e della forza che vengono dal Signore fatto uomo per noi.

Il mio augurio cordiale per voi e per i vostri cari si fa preghiera: «O Vergine Maria, che hai stretto tra le braccia il Bambino Gesù, prega perché anche noi sappiamo riceverlo e seguirlo con gioia, fede, amore; prega perché nella società, nel mondo, nelle nostre comunità, nella nostra famiglia, siamo testimoni e ambasciatori di pace, riascoltando il canto degli angeli: “Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra a tutte le creature che Dio ama!”».

+ Renato Boccardo

Arcivescovo di Spoleto-Norcia

Archivi