0%

A ROCCAPORENA PER ASCOLTARE E PREGARE. PELLEGRINI NELLA SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il primo sole di marzo che scalda le gelide pietre dei monti, tra cui si adagia il piccolo paese di Roccaporena, sembra invitare, ancora più del solito, i pellegrini-devoti di Santa Rita al silenzio e alla meditazione.

Incontriamo così un gruppo di fedeli proveniente dalla provincia di Verona. «Siamo qui- mi dice Lucia – perché Santa Rita ci dà dei bei consigli e dobbiamo imparare da lei». Sembra che queste parole si uniscano al messaggio della liturgia della seconda domenica di Quaresima, in cui sul Monte Tabor il Padre, in una splendida teofania, invita tutti ad ascoltare il Figlio. «È impressionante la somiglianza di Santa Rita con Cristo»,  ha detto a tal proposito don Simone Maggi pro-rettore del Santuario durante l’omelia. «Rita – ha proseguito il sacerdote – si è messa in ascolto pieno della Parola, lasciando che questa Parola trovasse spazio nella sua vita». Alla salita dello Scoglio, meta sempre di preghiera, incontriamo alcuni devoti provenienti da Cassino e Napoli. C’è chi desidera offrire un omaggio di fiori, come i pellegrini di Todi; chi è abituato a salire periodicamente lo Scoglio confidando nell’aiuto materno della Santa, come è per Anastasia e la sua mamma; mentre per alcuni giovani per la prima volta si sono avventurati in questo cammino di fede. È bello incontrare chi, provenendo dal Sacro Monte di Varallo (VC), ritrova in questo luogo il mistico incontro con Cristo, fondamento di ogni vero pellegrinaggio. Il salire allo Scoglio culmina nella preghiera, nel ritrovarsi insieme intorno alla “pietra” che da secoli testimonia il coraggio e la fede di Santa Rita, la “Santa dei casi impossibili”, che invita tutti noi a non smettere di credere e sperare nella Misericordia di Dio.

Suor Stella Lepore

Dal Sacro Monte di Varallo (VC) allo Scoglio di Roccaporena omaggio a s. rita Pellegrini da Cassino Sul sentiero che conduce allo Scoglio Fedeli in preghiera allo Scoglio Pellegrini da Verona

Archivi