Coronavirus: preghiera a Santa Rita

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
La fede cristiana si pone al servizio della vita e quindi anche della salute e le nostre co­mu­­nità abitano un territorio di cui devono rispettare l’organizzazione. Verso le istituzioni pubbliche e politiche la Chiesa vuole essere leale e onesta collaboratrice, assumendo in maniera corresponsabile iniziative con cui contenere il diffondersi del virus. In ottemperanza al Decreto emesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 4 marzo u.s., volto ad assumere le necessarie misure prudenziali per contrastare il diffon­der­si del virus COVID-19, come Santuario di Roccaporena di Cascia facciamo nostro il documento dei Vescovi della Regione Ecclesiastica Umbra, valido fino alla terza domenica di Quaresima, 15 marzo p.v.:
  1. Si continui la celebrazione abituale della Santa Messa, sia nei giorni feriali che festi­vi, come gli appuntamenti di preghiera che caratterizzano il tempo della Quaresima (es. Via Crucis all’aperto), avendo cura che i partecipanti possano osservare tra loro la di­stan­za di precauzione igienica.
  2. Nella celebrazione eucaristica si ometta lo scambio del segno della pace e la comu­nione venga distribuita unicamente sulle mani del fedele.
  3. È bene che le acquasantiere non contengano acqua.
  4. Si sospendano gli incontri di catechesi per i fanciulli, le attività di oratorio, di gruppi e movimenti, così come gli altri eventi che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
  5. Si sospenda la visita alle famiglie con la benedizione delle case.
  6. Per la celebrazione dei funerali: alla Messa esequiale siano presenti soltanto gli stretti famigliari, sempre a distanza di precauzione igienica. A tempo opportuno, potrà es­se­re celebrata in parrocchia una Messa di suffragio con la partecipazione dell’intera comunità.
  7. È possibile la celebrazione del sacramento della Penitenza nella forma individuale con le dovute attenzioni.
  8. In questo periodo di tempo, negli orari e nelle modalità ritenute più opportune, si espon­ga nelle chiese il SS.mo Sacramento per la preghiera personale di intercessione e supplica, garantendo una presenza e una vigilanza costante.
La situazione che si è venuta a creare ci conduce ad una esperienza particolare di “di­giuno”, privandoci dei momenti di preghiera e di incontro comunitario che accompa­gna­no il cammino quotidiano del credente, specialmente in questo tempo di Quaresima. Ciò tuttavia offre l’occasione di coltivare la preghiera personale e in famiglia e di dedi­care un congruo tempo all’ascolto e alla meditazione della Parola di Dio, affinché questi giorni che siamo chiamati a vivere diventino per tutti un momento di grazia che rinnova la vita cristiana e ottiene la benedizione di Dio a quanti sono colpiti e ai loro familiari; agli anziani, esposti più di altri alla solitudine; a tutti gli operatori sanitari e al loro gene­roso servizio; a quanti affrontano le pesanti conseguenze di questa crisi sul piano lavo­ra­tivo ed economico; a chi ha responsabilità scientifiche e politiche di tutela della salute pubblica. L’Arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo ha scritto questa Preghiera a Santa Rita nel tempo del Coronavirus che siamo invitati a recitare ogni giorno:
Mentre facciamo esperienza della fragilità e della debolezza di fronte alla malattia che colpisce in questi giorni tanti nostri fratelli e sorelle in umanità, ancora una volta ricorriamo alla tua intercessione, o amata Santa Rita. La paura ci impedisce di guardare a questo tempo con serenità e fiducia e l’incertezza e la trepidazione per il futuro rischiano di spegnere la fiducia e inaridire la speranza. Tu, che nel lazzaretto di Roccaporena hai accolto e curato i malati della peste che ha ferito la tua epoca; tu, che sei per tutti riflesso luminoso della tenerezza e della provvidenza di Dio, ottienici il coraggio di attraversare questa prova con la fiduciosa certezza che la mano amorosa del Padre non abbandona i suoi figli. La tua preghiera allontani l’epidemia che si diffonde nel mondo; consoli quanti ne sono colpiti e i loro familiari; conforti gli anziani, esposti più di altri alla solitudine; sostenga gli operatori sanitari nel loro generoso servizio; ispiri sagge decisioni a chi ha responsabilità scientifiche e politiche; tutti difenda dai mali del corpo e dello spirito e li aiuti a ritornare sereni alle consuete occupazioni per lodare e ringraziare Dio con cuore rinnovato. Amen.
Preghiera a Santa Rita nel tempo del Coronavirus

Quindici giovedì
di Santa Rita

Ripercorri gli ultimi quindici anni della vita di Rita, quelli segnati dalla spina di Cristo in fronte.

FAI UNA
DONAZIONE

Sostieni le nostre attività nel nome di Rita. Dona una speranza nei momenti di difficoltà.

ACCENDI UNA
CANDELA

Accendi online una candela a Santa Rita. L’amore in un gesto di carità e preghiera. Nella casa di Santa Rita.
Archivi
News
Coronavirus: preghiera a Santa Rita

La fede cristiana si pone al servizio della vita e quindi anche della salute e le nostre co­mu­­nità abitano un territorio di cui devono rispettare l’organizzazione.