0%

VERSO LA FESTA DELLA ROSA. LE TESTIMONIANZE DEI PELLEGRINI SULLA LORO DEVOZIONE A SANTA RITA

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Pochi giorni ci separano ormai dalla tradizionale Festa della Rosa (domenica 22 giugno, ndr), che ricorda il miracolo appunto della rosa, sbocciata in pieno inverno, avvenuto qui a Roccaporena nel lontano 1457. Nel rigido inverno di quell’anno Rita, gravemente inferma, chiese alla cugina Bona di portarle dal “suo” orto di Roccaporena una rosa rossa e due fichi maturi. La cugina, incredule, si recò all’orto e davvero c’erano, tra la neve, una rosa fiorita e due fichi maturi. Felice tornò a Cascia per portarli a Rita malata. Da allora, la rosa è legata alla storia della Santa, unitamente alla spina dolorosa che l’accompagnò negli ultimi quiandici anni di vita.

E non mancano le persone che proprio in questo periodo giungono qui a Roccaporena, per ringraziare la Santa. È il caso di Maria Tiotti che nel 1966 era ricoverata all’Ospedale Molinette di Torino e rischiava la morte a causa di un’emorragia interna non controllabile. I medici l’avevano data per spacciata. «Mio marito piangeva sempre quando raccontava questa storia», mi dice Maria, oggi sulla sedia a rotelle. «Avevamo due bambini piccoli…mio marito non era un gran credente, ma quel giorno alzò gli occhi e vide una vetrata che raffigurava S. Rita. Iniziò ad invocarla. Eravamo disperati». La signora Maria, accompagnata dal figlio e dalla nuora, si commuove nel raccontare la sua storia, lontana nel tempo ma viva nel cuore. «Due giorni dopo – prosegue -, inspiegabilmente, ero fuori pericolo. Da allora ho atteso il giorno di venire a ringraziare personalmente Santa Rita. La invoco ogni giorno affinché aiuti me e la mia famiglia». Gli occhi della signora Maria sono luminosi, riflettono l’azzurro del cielo particolarmente terso, dopo i temporali impetuosi di questi giorni.

Ci si muove in ogni modo, con la pioggia che non può spegnere l’entusiasmo o con il sole che lo ravviva; con grandi pullman come i gruppi di Andria (BT) e di S. Croce di Magliano (CB), giunti a Roccaporena alle 5 del mattino dopo una notte trascorsa in viaggio. Appena giunti, subito la salita allo Scoglio della preghiera e poi la partecipazione alla Messa in Santuario. «È faticoso, ma si fa con piacere!», testimonia un uomo bruno di carnagione, visibilmente stanco ma contento. «Per devozione a S. Rita, veniamo tutti gli anni», conclude.

Ma c’è anche chi arriva anche in piccoli gruppi come quello proveniente da Pelos del Cadore (Belluno): dieci persone accompagnate dal diacono permanente Giorgio Dal Molin. «Siamo venuti qui per conoscere la storia di Santa Rita», mi spiega una signora sui sessant’anni. «Ella – prosegue -, invocata come Santa dei casi impossibili, ci aiuti a saper perdonare e a non istigare».

 

Suor Stella Lepore

Gruppi di Andria e S. Croce di Magliano Maria Tiotti Moglie e marito dall'Isoa d'Elba Gruppo di Pelos del Cadore

Archivi