0%

MOMENTI DI GIOIA A ROCCAPORENA NELLA FESTIVITÀ DELLA PASQUA

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il mistero pasquale ha visto raccolti a Roccaporena diversi pellegrini provenienti da varie parti d’Italia. La Domenica delle Palme, alcuni giovani hanno partecipato alla lettura della Passione del Signore. Diverse famiglie e giovani hanno preso parte alla Messa del Giovedì Santo: durante la celebrazione il pro-rettore don Simone Maggi ha ripetuto il gesto della lavanda dei piedi ai membri di due famiglie del luogo e ad alcuni giovani. Nell’omelia ha ricordato che Gesù ha spezzato la sua vita per noi, consegnandola nelle nostre mani. La celebrazione è poi proseguita con l’adorazione eucaristica. Poi, il doloroso ricordo della Passione del Signore nel Venerdì Santo e il lungo silenzio del Sabato dove è rimasta esposta la Croce di Cristo (Santa Rita ha fatto dell’Amore al Crocifisso il centro di tutta la sua vita, sia matrimoniale che religiosa). Ed infine, la ricca Veglia Pasquale: la luce di Cristo, simboleggiata dall’accensione del Cero, ha illuminato le fitte tenebre della notte, aprendoci così alla travolgente realtà della Resurrezione di Cristo. «La vita è questo passaggio dall’oscurità alla luce», ha ricordato don Simone nell’omelia. «Da questo passaggio – ha proseguito – impariamo a guardare la vita con gli occhi di Cristo». Alla Messa di Pasqua hanno partecipato anche alcuni giovani radunati a Roccaporena per il 1° Trofeo Città di Cascia-Umbria Junior Cup 2015, insieme con le loro famiglie.

Suor Stella Lepore

notte di Pasqua Giovedì Santo lavanda dei piedi palme 2015

Archivi