Delegazione del Santuario in Polonia per rafforzare e incoraggiare la devozione a Santa Rita nella diocesi di Siedlce. Oltre 1300 persone presenti alla Messa. Foto.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Sciedlce, Polonia, Messa in onore di Santa Rita

Sciedlce, Polonia, Messa in onore di Santa Rita

Dal 21 al 23 ottobre 2019 l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo si è recato nel centro-est della Polonia, ai confini con l’Ucraina e la Bielorussia, nella Diocesi di Siedlce. Qui, nella parrocchia del Corpus Domini, che contra oltre diecimila abitanti, da due anni è stato avviato il culto a Santa Rita grazie ad una reliquia giunta da Cascia e alla sensibilità di alcuni sacerdoti, tra cui il parroco don Stanislao Wojteczukche che è stato in contatto più volte col Santuario di Roccaporena, in particolare col pro-rettore don Canzio Scarabottini (presente con il Vescovo in Polonia, insieme anche all’amministratore del Santuario Simone Desantis), e nello scorso mese di maggio si è recato pellegrino nella terra di Rita.

Foto-gallery

Devozione giovane, in costante crescita. Nella chiesa del Corpus Domini di Siedlce è stato realizzato un bellissimo mosaico della Santa e il 22 di ogni mese viene celebrata una Messa a cui segue la benedizione delle rose, simbolo della spiritualità ritiana. A questo momento di preghiera partecipa sempre tanta gente, circa mille persone, che arrivano da varie parti della diocesi di Siedlce, così come da quelle confinanti. Alla Messa presieduta da mons. Boccardo il pomeriggio del 22 ottobre c’erano oltre 1300 persone. «La presenza dell’arcivescovo di Spoleto-Norcia tra noi – ha detto il parroco don Stanislao – è un sogno che si realizza. Lui rappresenta la Chiesa che custodisce il corpo e la memoria di Santa Rita, con i due santuari a lei dedicati a Cascia e Roccaporena, ed è venuto in qualche modo a rafforzare e ad incoraggiare la nostra “giovane” devozione a Santa Rita, ma soprattutto è venuto pellegrino per condividere con noi la fede in Gesù Cristo».

Messa e benedizione delle rose. Nell’omelia mons. Boccardo ha descritto Rita come «una donna del popolo, che ha affrontato i diversi aspetti dell’esistenza con la capacità di guardare in alto. Non si è chiusa in sé nonostante i tanti momenti difficili della sua vita, anzi è stata capace di non perdere la fiducia e la speranza. Ed è per questo che la sua figura è eloquente e ricca di messaggi anche noi: la nostra vita porta con sé, nelle diverse situazioni, dei momenti di luce e di ombra. Da Rita impariamo ad essere forti nella fede e nella speranza e ad affidarci alla provvidenza di Dio che sempre si prende cura dei suoi figli». Poi, il Presule nel vedere la chiesa gremita in ogni zona ha detto: «È bello vedere come Rita parli alle persone di Paesi diversi, di storie diverse; è una figura trasversale che incontra le culture, le tradizioni, le espressioni religiose di tutti i Continenti. E ciò per la sua semplicità, la sua quotidianità. La gente le affida tutte le proprie intenzioni, le preoccupazioni, i desideri, le sofferenze e anche le richieste impensabili: c’è questa fiducia e questa confidenza con Rita». Al termine della Messa l’Arcivescovo ha benedetto le rose. In questi due anni di conoscenza della figura di Rita già si segnalano alcune “grazie”: sette coppie di sposi che non avevano figli hanno sperimentato la bellezza di accogliere nuove vite e due di queste hanno messo nome alla figlia proprio Rita; ragazze/i che hanno trovato fidanzato/a; sostegno nell’affrontare la malattia come il caso di una bambina colpita da un tumore che ogni mese, con i genitori, va ad affidare la sua vita alla Santa casciana e che mons. Boccardo ha salutato al termine della Messa. Alla comunità del Corpus Domini il Santuario di Roccaporena ha donato un calice quale segno spirituale di gemellaggio.

Nell’intervista al settimanale diocesano di Siedlce, invece, il Presidente della Conferenza episcopale umbra ha sottolineato che «vivere in Umbria, luogo santificato dalla presenza di persone straordinarie come Santa Rita, S. S. Benedetto da Norcia, Francesco d’Assisi e Santa Chiara, solo per citare quelli più “famosi”, è innanzitutto un dono prezioso della provvidenza, perché si diventa in qualche modo in relazione con questi Santi e la loro intercessione ottiene la grazia e la benedizione di Dio sulla nostra vita quotidiana. Ma accanto a un dono c’è anche una responsabilità. Essere gli eredi di questo patrimonio di santità diventa per tutti noi una esigenza: siamo, infatti, chiamati ad imitare la loro vita».

Incontro col Vescovo di Siedlce. Martedì 22 ottobre l’Arcivescovo ha incontrato il suo confratello di Siedlce mons. Casimiro Gurda. Quest’ultimo ha confermato come «la devozione a Santa Rita sia viva e in crescita. Siamo davvero contenti».

Archivi
CELEBRATA A CASCIA LA FESTA DI SANTA RITA.

Domenica 22 maggio 2016 in molte parti del mondo è stata celebrata la memoria liturgia di Santa Rita da Cascia, insieme a S. Francesco la santa